Benvenuto

Benvenuto nel sito “Insangodenzo”, questo sito raccoglie tutte le informazioni sugli operatori turistici, attività commerciali, artigiani e piccoli produttori agricoli, news curiosità e quant'altro riguarda gli eventi nel comune di San Godenzo.

IN TOSCANA, al confine tra MUGELLO e VAL DI SIEVE, prendendo da DICOMANO la direzione verso FORLì, dopo circa 10 chilometri quasi al confine con la ROMAGNA , tra la valle dell'ACQUA CHETA ed il MONTE FALTERONA, troviamo il paese di SAN GODENZO, nella cui famosa abazia nel 1302 DANTE ALIGHIERI convenne con gli esuli guelfi bianchi e Ghibellini.

SAN GODENZO comune della MONTAGNA FIORENTINA ha una notevole estensione territoriale ed ha un dislivello tra il punto più alto (M. Falco, m 1658) e quello più basso (oltre Ponte alla Corella, m 240) di oltre 1400 metri, mostrando delle caratteristiche rudemente alpestri, con monti strapiombanti e profonde vallate. Dal territorio del Comune di San Godenzo, nella frazione de Il CASTAGNO D'ANDREA è possibile entrare nell'area protetta del PARCO NAZIONALE FORESTE CASENTINESI, MONTE FALTERONA e CAMPIGNA, una tra le piu'suggestive porte del versante fiorentino del Parco.

giovedì 18 aprile 2019

Tramvia: servizio garantito senza interruzioni per Pasqua, Pasquetta, 25 Aprile e 1 maggio

La tramvia a Firenze non si ferma per le feste. In vista delle prossime festività, Gest informa che il servizio sarà garantito senza interruzioni per le giornate di Pasqua, Pasquetta, 25 aprile e 1 maggio. 

Dal 21 aprile al 1 maggio la tramvia non si ferma e, come di consueto, viaggerà, senza interruzioni, dalle 5.00 del mattino fino alle 00.30 di notte.

Da venerdì 19 aprile fino a mercoledì 1 maggio le frequenze subiranno alcune piccole variazioni, informa Gesti, ma non cambieranno le prime ed ultime corse.

Viene confermata l'estensione del servizio alle 2 di notte il venerdì e sabato sera.

Per la giornata di Pasqua e Pasquetta (21 e 22 aprile), per la Giornata dell'Anniversario della liberazione d'Italia (25 aprile) e per la Festa del Lavoro (1 maggio) sarà garantito il servizio tutto il giorno, sempre dalle 5.00 alle 00.30, con una corsa tra i 7 e gli 11 minuti, in base alle fasce orarie, sia per la Linea T1 che per la Linea T2.

Orari e frequenze dal 19 aprile al 1 maggio sono consultabili nella sezione ORARI del sito: https://www.gestramvia.com/orari


International Jazz day la sala delle Eroine ospita il concerto Storyville a Pontassieve

Anche quest'anno – lunedì 29 aprile 2019 - in occasione della "Giornata mondiale del jazz UNESCO" il Comune di Pontassieve in collaborazione con la scuola comunale di musica e l'associazione Sound organizza una serata ad ingresso gratuito per “far vivere” un concerto di musica jazz.
Il titolo della serata (sala Eroine, palazzo comunale ore 21,15), "Storyville", riporta alla mente l’omonimo quartiere, che dal 1890 al 1917 è stato il quartiere a luci rosse di New Orleans, che ha visto nascere non solo la musica jazz, ma anche tanti geniali musicisti come King Oliver, Scott Joplin, Luis Armstrong tanti altri. Il progetto voluto e realizzato dal trombettista Franco Baggiani sarà una bella opportunità per gettare lo sguardo su quella che può essere a buon diritto definita la vera musica classica americana addentrandosi poi nella genialità di Luis Armstrong che attraverso la sua musica, sempre attuale e contemporanea, ci porta direttamente in un epoca fantastica e piena di contraddizioni.
Si esibiranno Franco Baggiani, tromba, Susanna Crociani sax alto e soprano, Giacomo Downie sax baritono e direzione musicale, Alberto Rosadini batteria.
Ospite del concerto il chitarrista spagnolo di Castellòn de la Plana Fernando Marco. 
Scuola di Musica Comunale di Dicomano, Londa, Pelago, Pontassieve, Rufina
P.zza Cairoli 7 - 50065 Pontassieve (FI)
Tel. 055 8331000 - 328 7816084 - Email: info@scuolacomunaledimusica.it




25 aprile ANTIFASCISMO DEMOCRAZIA SOLIDARITA'

25 aprile 2019
ANTIFASCISMO DEMOCRAZIA SOLIDARITA'
ORE 17,00
CIRCOLO ARCI "PENNA BIANCA - A AMADEI"
CASTAGNO D'ANDREA
CANZONI E LETTURE CON MORENO CIANDRI E LA CARVONA DELLA MEMORIA
ORE 19,30 APERICENA



mercoledì 17 aprile 2019

Torna la Mostra dell’Artigianato alla Fortezza da Basso a Firenze dal 24 Aprile 2019 al 01 Maggio 2019

Mostra dell’artigianato di Firenze, si cambia. Mida 2019 punta tutto sulla qualità dell’offerta con un’attenta selezione di espositori per la 83esima edizione della manifestazione ospitata alla Fortezza da Basso di Firenze. Un elenco che comprende eccellenze italiane, ma anche il meglio delle produzioni internazionali e l’artigianato digitale, come i giovani marker.
In più eventi, dimostrazioni dal vivo dei maestri dell’hand made, 2 mostre dedicate alle eccellenze fiorentine e toscane, workshop, degustazioni, mini-corsi e visite guidate agli ambienti storici della Fortezza, gratuite per chi ha il biglietto. Filo rosso di questa grande fiera dell’artigianato i 500 anni dalla morte di Leonardo da Vinci. L’appuntamento  viene presentato ufficialmente mercoledì 17 aprile, ecco le prime anticipazioni.

Le date e gli orari

Come consueto la mostra dell’artigianato si svolge nelle date del ponte di fine aprile, con un’intera settimana dedicata alle eccellenze del settore: Mida 2019 apre i battenti mercoledì 24 aprile per andare avanti fino a mercoledì primo maggio. L’orario va dalle 10.00 alle 20.00, quando tutte le mostre e i padiglioni sono aperti, mentre dalle 20 alle 22 l’ingresso è gratuito, ma solo per provare le delizie delle corte dei sapori e visitare le mostre.

La mappa degli espositori della mostra dell’artigianato 2019

La mostra dell’artigianato 2019 di Firenze si estende su 55mila metri quadrati all’interno della Fortezza da Basso. I tre piani del grande Padiglione Spadolini ospitano il meglio dell’artigianato italiano, le creazioni dal mondo e una sezione del gusto all’ultimo livello, con aziende artigianali del settore agroalimentare, show cooking e degustazioni di vino, olio, birra e tartufo.
Le eccellenze del territorio, sono protagoniste del padiglione Cavaniglia, a cura di EligoStudio, mentre negli spazi dell’Arsenale-Basilica prende posto la nuova sezione dedicata alla cura della persona con una selezione di produttori artigianali di cosmetici, essenze, profumi e prodotti per la cura del corpo.
E poi spazio alla sartoria e agli accessori nel Liceo, ai prodotti eco e di recupero nel padiglione delle Ghiaie, all’artigianato digitale e ai marker nel padiglione Rastriglia, ai punti ristoro di qualità e allo street food nella corte dei Sapori (piazzale Nord Ovest). In programma anche seminari e workshopall’interno del Teatro Lorenese e anche due mostre dentro la mostra.

Le mostre di Mida 2019

 Nella Sala della Volta 60 tra i più importanti maestri artigiani fiorentini espongono le loro creazioni più iconiche per “Firenze su misura Wunderkammer”. L’iniziativa è promossa dalla Fondazione CR Firenze e Firenze Fiera, curata dall’Osservatorio dei Mestieri d’Arte e da Gruppo Editoriale.
L’allestimento si ispira ai solidi platonici di Leonardo da Vinci: 6 strutture, ognuna dedicata a un’arte della tradizione fiorentina sono state interpretate come sei wunderkammer (ossia “camera delle meraviglie”) in cui ammirare diamanti rari e creazioni uniche, accanto a video-documentari, suoni, profumi e dimostrazioni dal vivo di maestri artigiani.
La Polveriera custodisce invece “Le sette meraviglie della Toscana”. Alabastro, ceramica, coltelleria, bronzo, marmo, oro e tabacco sono le protagoniste della mostra curata da Once che espone una selezione di creazioni delle eccellenze artigiane del territorio.

Le visite guidate alla Fortezza e all’Opificio delle Pietre Dure

Chi ha il biglietto e gli espositori possono anche partecipare a visite guidate gratuite in due luoghi di storia dentro la Fortezza da Basso di Firenze: nei laboratori di restauro dell’Opificio delle Pietre Dure(24 e 27 aprile dalle ore 10 alle 12; 26 e 29 aprile dalle 15 alle 17); negli ambienti monumentali della Fortezza, con itinerari dai sotterranei a uno bastioni cinquecenteschi (sei turni d domenica 28 ore 10.30, 11.30 e 12.30 e lunedì 29 aprile ore 15.00, 16.00 e 17.00) con prenotazione contattando l’associazione Muse.

La mostra dell’artigianato di Firenze: i biglietti

Il biglietto intero per la mostra internazionale dell’artigianato costa 7 euro, 5 euro invece il ridotto (under 25, possessori carta d’argento, soci Unicoop Firenze, portatori di handicap), mentre non pagano i bambini fino a 12 anni, chi ha la Firenzecard+, gli accompagnatori di gruppi (almeno 10 persone) e quelli delle persone con handicap. Dalle ore 20 alle 22 l’ingresso è gratuito, per visitare la Corte dei Sapori e le mostre
Per evitare la coda è possibile anche acquistare online il biglietto della mostra dell’artigianato di Firenze : https://mostraartigianato.ticka.it/prenota-abbonamento-open.php?negozio_abbonamento_open_id=36&ordine_posto=UN

27 e 28 aprile Quinta Edizione de “La Leonessa” Ciclostorica sulle strade sterrate del Chianti Rufina e della Montagna Fiorentina

Si svolgerà sabato 27 e domenica 28 aprile a Pelago la quinta edizione de La Leonessa, la ciclostorica del Chianti Rufina e della Montagna Fiorentina, valida anche come Prima Tappa della Coppa Toscana Vintage 2019.
Dopo i circa 150 partecipanti dello scorso anno, per il 2019 gli iscritti hanno già superato quota 130: con loro la bellissima Piazza Ghiberti di Pelago tornerà ancora una volta a riempirsi con le mille sfumature delle tante maglie di lana, oltre a numerosi mezzi d’epoca.
Come da tradizione, i percorsi si svilupperanno su quattro distanze: due itinerari più facili, la passeggiata ed il percorso corto, e due itinerari più impegnativi, ovvero i percorsi intermedio e lungo, con la leggendaria ascesa su sterrato verso il Passo della Consuma. “La Leonessa” transita su antichi percorsi oggi poco battuti che toccano molte delle principali architetture rurali della zona risalenti in gran parte al Basso Medioevo; si attraversano coltivazioni caratteristiche come viti e oliveti, presso vecchi edifici di campagna salendo fino alle meravigliose foreste secolari vallombrosane: si potranno ammirare numerose vedute panoramiche, variazioni continue di punti di vista e percezioni sempre diverse del territorio della Montagna Fiorentina, oltre ai ristori di ColleFerranoConsuma Poggio al Commissario all’insegna dei tipici prodotti toscani e dei celebri vini ed oli d’oliva della zona.
Ricordiamo che anche al di fuori della ciclostorica dallo scorso anno è aperto il Percorso Permanente de “La Leonessa”, realizzato grazie al contributo del Comune di Pelago e destinato a diventare riferimento del cicloturismo grazie alla cartellonistica presente lungo gli 80 km della sua durata: ricalcando l’itinerario lungo della ciclostorica pelaghese, le emozioni che il territorio sa trasmettere sono vivibili per tutti i 365 giorni dell’anno.
Novità della manifestazione sarà il primo “Pinzani Day”, spazio dedicato alla figura del grande telaista di origine pelaghese Giusto Pinzani. Durante il pomeriggio di sabato 27 ci sarà la mostra dedicata ad alcune delle sue opere più prestigiose aperta dalle 14 alle 20 presso la “Bottega del Ghiberti” nella piazza omonima. Alle 17 si terrà alla Casa del Popolo un incontro dedicato al grande artigiano “Pinzani: l’uomo, il maestro”, con testimonianze e racconti legati alla figura biografica, di uomo di sport e meccanico.
Le iscrizioni sono ancora aperte e lo saranno fino a poco prima dell’inizio della manifestazione: per tutto ciò che riguarda l’evento, il regolamento, i percorsi, i luoghi di pernottamento e quant’altro, sarà sufficiente consultare il sito ufficiale leonessaciclostorica

Per altre info
Si può scrivere all’indirizzo mail ufficiale:
leonessaciclostorica@libero.it
e per le informazioni turistiche, all’indirizzo mail:
info@prolocopelago.it
Altre informazioni e curiosità si possono trovare sulle pagine social dedicate all’evento: 
  • LA LEONESSA – Ciclostorica https://www.facebook.com/LaLeonessaCiclostorica/
  • leonessaciclostorica  https://www.instagram.com/leonessaciclostorica/

Dal 16 aprile 2019 è obbligatoria la ricetta elettronica veterinaria

Dal 16 aprile 2019 diventa obbligatoria la ricetta veterinaria elettronica. L’obiettivo è semplificare la vita degli allevatori, dei proprietari di piccoli animali, dei farmacisti e dei veterinari. Ma la ricetta elettronica «serve anche ad aumentare il livello di sicurezza alimentare e nel contempo a ridurre gli oneri burocraticioltre che a un risparmio di spesa» ha affermato Silvio Borrello, direttore generale della Sanità animale e farmaci veterinari del Ministero della Salute.

Un aiuto contro l’antibioticoresistenza

In Europa, l’Italia è il primo Paese ad adottare la ricetta elettronica veterinaria. Oltre a migliorare gli aspetti già citati, questa innovazione è anche fondamentale nella strategia di lotta all’antibioticoresistenza, oltre a rappresentare uno strumento di trasparenza nella filiera dei farmaci per gli allevamenti. «Come medico – ha dichiarato Giulia Grillo, Ministro della Salute – sono pienamente consapevole della gravità del fenomeno che ogni giorno di più assume le dimensioni di una minaccia globale per la salute pubblica, amplificata dall’uso inappropriato degli antibiotici. Il sistema probabilmente avrà bisogno di una fase di assestamento, ma sono convinta che anche i più resistenti alla fine capiranno i vantaggi di questa innovazione». Sai come si usano gli antibiotici nel modo corretto?

Le stime dell’OMS

L’Organizzazione Mondiale della Sanità stima infatti che nel 2050 il fenomeno dell’antibioticoresistenza sarà responsabile di 2,4 milioni di morti soltanto nell’area dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE). In Italia, invece, si rischiano mezzo milione di decessi, con un costo per il Servizio sanitario nazionale pari a 13 miliardi di dollari.
Antibiotico resistenza: perché siamo il Paese con più morti?

I vantaggi della ricetta elettronica veterinaria

In sintesi, quindi, la nuova ricetta veterinaria elettronica offre una serie di vantaggi: aumenta la tutela della salute pubblica e dell’ambiente, favorisce l’uso corretto dei medicinali veterinari (sai che ci sono persone che somministrano i farmaci pensati per gli umani ai propri cani e gatti?), rileva il consumo reale dei medicinali veterinari, rafforza la lotta all’antimicrobico-resistenza, migliora il sistema di tracciabilità dei medicinali veterinari, riduce gli adempimenti e i costi, rende più efficiente l’attività di farmacosorveglianza e di analisi del rischio sanitariorinforza il ruolo del medico veterinario quale unico gestore del medicinale veterinario.

Come funziona?

Attraverso il portale www.vetinfo.sanita.it e il sitowww.ricettaelettronicaveterinaria.it i medici veterinari, i farmacisti, i grossisti, i mangimifici, gli allevatori e i proprietari di animali possono richiedere le credenzialiregistrarsi ed operare in base alle caratteristiche e i compiti del proprio profilo. Per emettere la ricetta, i medici veterinari possono anche utilizzare una App scaricabile dagli app store di Apple e Android.

Come ottenere la ricetta

Per consultare e scaricare le ricette, invece, tutti i cittadini (sia proprietari di pet che di animali da reddito) possono accedere all’App Mobile “cerca ricetta” dal sito www.ricettaveterinariaelettronica.it anche previa registrazione. E mediante il Numero Ricetta e il PIN a 4 cifre generato dal sistema al momento dell’emissione da parte del medico veterinario della ricetta elettronica possono scaricarla. I cittadini possono anche rivolgersi al farmacista fornendo il numero della ricetta e il PIN o, più semplicemente, il proprio codice fiscale e il PIN. Se si è un allevatore, in alternativa, si potrà fornire il codice azienda e il PIN. Il farmacista sarà in grado in questo modo di acquisire la prescrizione digitale e di consegnare il medicinale al cliente.

Cosa può fare un allevatore

Il proprietario o detentore degli animali da reddito, inoltre, può richiedere le credenziali per l’accesso al Sistema Informativo Nazionale della Farmacosorveglianza (VETINFO). In questo modo potrà avere pieno accesso ai servizi messi a disposizione dal sistema per consultare le proprie ricette veterinarie elettroniche e le scorte autorizzate presso l’allevamento, consultare e utilizzare i protocolli terapeutici, registrare i trattamenti e consultare il Registro dei Trattamenti, gestire i dati e le anagrafiche di supporto.


martedì 16 aprile 2019

SCOPPIO DEL CARRO SABATO 20 APRILE ALLA RUFINA

Torna una delle tradizioni più amate dai cittadini di Rufina e della Valdisieve: anche quest’anno alle 23 del sabato di Pasqua in Piazza Umberto I, ci sarà Lo Scoppio del Carro. L’appuntamento, giunto alla sua 82^ edizione, è per la notte tra sabato 20 aprile e domenica 21 aprile, alle 23 in piazza Umberto I. 
L’evento è organizzato dal Comitato per lo Scoppio del Carro in Rufina.