Benvenuto

Benvenuto nel sito “Insangodenzo”, questo sito raccoglie tutte le informazioni sugli operatori turistici, attività commerciali, artigiani e piccoli produttori agricoli, news curiosità e quant'altro riguarda gli eventi nel comune di San Godenzo.

IN TOSCANA, al confine tra MUGELLO e VAL DI SIEVE, prendendo da DICOMANO la direzione verso FORLì, dopo circa 10 chilometri quasi al confine con la ROMAGNA , tra la valle dell'ACQUA CHETA ed il MONTE FALTERONA, troviamo il paese di SAN GODENZO, nella cui famosa abazia nel 1302 DANTE ALIGHIERI convenne con gli esuli guelfi bianchi e Ghibellini.

SAN GODENZO comune della MONTAGNA FIORENTINA ha una notevole estensione territoriale ed ha un dislivello tra il punto più alto (M. Falco, m 1658) e quello più basso (oltre Ponte alla Corella, m 240) di oltre 1400 metri, mostrando delle caratteristiche rudemente alpestri, con monti strapiombanti e profonde vallate. Dal territorio del Comune di San Godenzo, nella frazione de Il CASTAGNO D'ANDREA è possibile entrare nell'area protetta del PARCO NAZIONALE FORESTE CASENTINESI, MONTE FALTERONA e CAMPIGNA, una tra le piu'suggestive porte del versante fiorentino del Parco.

venerdì 22 marzo 2019

Pizza, il cartone prodotto all'estero è velenoso: indaga il ministero della Salute

Il contenitore, usato in Italia, conterrebbe bisfenolo A potenzialmente dannoso per l'uomo. Emerge da un'inchiesta de "Il Salvagente"

La sostanza è da tempo sotto la lente dell'Efsa, l'Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare, ed è vietata da anni in molti contenitori alimentari, come i biberon. Ma all'estero il bisfenolo A (BPA) viene ancora utilizzato nel cartone low cost per il trasporto di cibo che - a volte - finisce in Italia. Questa pratica rende potenzialmente pericoloso il piatto più amato dagli italiani, vale a dire la pizza. A rilanciare l'allarme è un'inchiesta de Il Salvagente, anticipata da Il Fatto Quotidiano. Il ministero della Salute ha avviato un'indagine.
Lo studio de Il Salvagenteper la prima volta, mostra la "migrazione" di bisfenolo A dalla scatola all'alimento. Il bisfenolo è una sostanza chimica che interferisce con il sistema endocrino e con l'apparato riproduttivo.
"Un passaggio - spiega il direttore del mensile Riccardo Quintili a Il fatto quotidiano - che viene scatenato dall'alta temperatura nella scatola (fino a 60°/65°) in cui si mescolano gli acidi del pomodoro e i grassi della mozzarella e dal tempo prolungato in cui la pizza resta all'interno del contenitore".
Il Salvagente ha analizzato i cartoni prodotti da tre aziende, due straniere e una italiana. Solo nelle scatole prodotte all'estero, però, è stata rivelata la presenza della sostanza tossica, perché in Italia c'è l'obbligo di produrre solo con cellulosa vergine gli imballaggi di cartone destinati ad alimenti umidi (D.M. 21 marzo 1973).
Ma le scatole d'asporto low cost, realizzate con carta riciclata, dall'estero arrivano prima nelle pizzerie nostrane e poi nelle case degli italiani. E ciò accadrà finché l'Europa non uniformerà la normativa.
Intanto, il ministero della Salute ha commissionato una ricerca sulla presenza dei contaminanti in carte e cartoni riciclati a contatto con i cibi. Nel frattempo gli appassionati di pizza hanno però un modo per tutelare la propria salute, controllando che sul cartone fatto al 100% di cellulosa ci siano i simboli di forchette e bicchieri.



Festasaggia 2019

Online il bando per la candidatura ed altre interessanti novità
Il progetto, attivo da diversi anni, prima in Casentino e poi esteso ai Comuni del Parco, piace e sarà sperimentato oltre i confini regionali con l’obiettivo di “essere comunità” anche tra associazioni di diverse regioni, costruendo vincoli di progetto che consentano alle persone di conoscersi e di sostenersi fra loro anche al di fuori del proprio territorio.
Eliminare la plastica, valorizzare le produzioni agricole e artigianali ed esaltare le emergenze culturali: sono queste le regole alla base di Festasaggia, che in 11 anni di vita ha conquistato sempre più associazioni impegnate a promuovere e diffondere all’interno dei loro eventi - in particolare sagre e feste paesane - alcune buone pratiche legate alla valorizzazione, promozione e tutela del paesaggio, dei prodotti e del patrimonio culturale.
L'iniziativa dal 2015 è promossa e supportata dal Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi attraverso il progetto Oltreterra gestito insieme a Slow Food (Toscana ed Emilia Romagna) con il coinvolgimento fattivo delle condotte di Forlì - Appennino Forlivese, del Casentino, Valdisieve e Valdarno Fiorentino. Festasaggia, inoltre, rientra anche tra le progettualità inserite nel Piano di azioni della Carta Europea del Turismo Sostenibile, promossa dal Parco stesso.
Lo scorso 2 marzo a Premilcuore, nel versante romagnolo del Parco, si è tenuto il consueto incontro annuale per la consegna degli attestati di merito siglati “Festasaggia” e rilasciati alle associazioni che si sono impegnate nel rispetto delle regole alla base del progetto e che nell’occasione si sono confrontate sulla forma e sul futuro di Festasaggia. Il tema al centro dell'attenzione è stato appunto l'esportazione in altri contesti del territorio nazionale, sono infatti in corso alcuni contatti con diverse realtà interessate a sperimentare il progetto a partire dal 2019.
Per quanto riguarda il Casentino e i comuni del Parco, entro il 5 aprile le associazioni di promozione locale presenti possono presentare le loro candidature per il 2019 scaricando il modulo dal sito www.ecomuseo.casentino.toscana.it/festasaggia e dal sito di Oltreterra www.oltreterra.it.


ReStartApp per i cammini italiani

Sono aperte le iscrizioni a “ReStartApp per i cammini italiani”, il nuovo Campus gratuito di formazione, incubazione e accelerazione d’impresa, promosso da Fondazione Edoardo Garrone, in stretta collaborazione con Fondazione Cariplo, e con una rete di partner che comprende tra gli altri: Club Alpino Italiano (CAI), Legambiente, Fondazione Symbola, UniMont, Fondazione Buon Lavoro e Alleanza per la Mobilità Dolce (A.Mo.Do.).
Un percorso di formazione intensivo e residenziale, a Premia (VCO), della durata di 9 settimane, dal 24 giugno al 30 settembre 2019, con pausa intermedia nel mese di agosto, che includerà un viaggio-studio in una destinazione montana distintasi per l’efficace modello di sviluppo che ha saputo implementare.
Obiettivo del Campus, formare 10 giovani neo imprenditori, aspiranti tali o capofila di una rete d’imprese under 40 che vogliano avviare un’attività nei settori: agricoltura, allevamento, gestione forestale, agroalimentare, artigianato, turismo e cultura, con l’obiettivo di favorire la valorizzazione, promozione e sviluppo produttivo e sostenibile dei territori lungo i sentieri italiani.
Premi per un totale di 60.000 euro per dare vita ai tre migliori progetti e 12 mesi di consulenza gratuita per i più meritevoli.
PER PARTECIPARE
E’ sufficiente scaricare Call for ideas e compilare il form di candidatura on-line
 su www.restartapp.it :   http://www.restartapp.it/
Scadenza per la presentazione delle domande: 18 aprile 2019.
Contatti: Fondazione Edoardo Garrone ‐ tel. 0108681530 - info@restartapp.it




Londa. Un’area pic-nic in località Mandri: domenica 24 marzo l’inaugurazione

Una nuova “porta di accesso” al Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi. Sarà inaugurata domenica prossima, 24 marzo, alle 10,30 la nuova area Pic Nic in località Mandri, realizzata grazie all’impegno del Comune di Londa e del Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi. 
L’area, situata non lontano dal campeggio e dal ristorante presenti nella località, vuole essere una sorta di base per la partenza delle tante escursioni che si possono fare nella zona. L’intervento ha avuto un costo di 24.400 euro e prevede 4 tavoli da pic-nic, di cui uno specifico per portatori di handicap e 3 panchine, il tutto realizzato con materiale riciclato. Oltre a questo, naturalmente ci sarà una postazione di raccolta differenziata dei rifiuti. Questa nuova zona di sosta è un ulteriore tassello per lo sviluppo turistico del territorio londese, una base per gli escursionisti che possono percorrere i tanti km di sentieri per il trekking a piedi e a cavallo e quelli dedicati alle mountain bike che si diramano proprio in questa località e da lì entrano nell'area protetta. 
All’inaugurazione saranno presenti il Sindaco di Londa Aleandro Murras, il Vicesindaco Barbara Cagnacci, l’Assessore Daniele Palchetti e i rappresentanti del Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi. 



Le previsioni del tempo per il fine settimana

Proseguirà ancora per qualche giorno la fase di “maltempo anticiclonico” , ovvero un periodo caratterizzato da alta pressione, temperature sopra media e assenza di precipitazioni in un contesto siccitoso come quello attuale. Anche la ventilazione secca settentrionale dei prossimi giorni aggraverà la situazione di falde e fiumi nell’Italia centro-settentrionale.

Venerdi 22 Marzo:
Generalmente sereno o poco nuvoloso.
Venti: moderati dai quadranti settentrionali
Temperature: in aumento fino a valori sopra la media del periodo
Sabato 23 Marzo:
Prevalentemente sereno, possibile foschie mattutine.
Venti: deboli di Grecale
Temperature: in lieve flessione le minime, massime pressoché stazionarie
Domenica 24 Marzo:
Sereno, velature pomeridiane.
Venti: deboli di Grecale
Temperature: stazionarie


27 marzo Convocato il Consiglio Comunale

Si comunica che è stato convocato
 il 27 marzo 2019  ore 21,00 
in sessione Ordinaria in Prima il Consiglio Comunale
presso la Sala Consiliare



giovedì 21 marzo 2019

Vertice sulla sicurezza con il Prefetto e i sindaci di Valdarno fiorentino e Valdisieve. I dati sui reati

Reati in lieve aumento nel 2018 nel territorio del Valdarno fiorentino e della Valdisieve: ma diminuiscono invece Figline e Incisa e nel territorio comunale di Reggello, dove sempre nel 2018, rispetto all'anno precedente, si è verificato anche un calo dei furti in abitazione. Sono queste le tendenze emerse dai dati analizzati durante il quarto appuntamento sul territorio del Comitato provinciale ordine e sicurezza pubblica, che si è riunito ieri 20 marzo a Pontassieve per fare il punto sulla sicurezza nel territorio dell’Unione dei Comuni del Valdarno e Valdisieve.
Nella sede del municipio il Prefetto Laura Lega ha incontrato i sindaci Monica Marini (Pontassieve), Aleandro Murras (Londa), (Pelago), Cristiano Benucci (Reggello), Mauro Pinzani (Rufina), Alessandro Manni (San Godenzo) e Nicola Povoleri (vicesindaco di Pelago). Presenti alla riunione anche il sindaco Daniele Lorenzini (Rignano sull’Arno) e e la vicesindaco Caterina Cardi (Figline e Incisa), comuni che non fanno parte dell’Unione ma con la quale condividono, per contiguità territoriale, le tematiche della sicurezza. All’incontro erano presenti il vice questore vicario Giuseppe Solimene, il comandante provinciale dei carabinieri colonnello Giuseppe De Liso e per la Guardia di Finanza il colonnello Dino Bagnone. Presenti anche i rappresentanti delle forze di polizia locali.
Un tavolo che si è aperto proprio con l'analisi dell’andamento criminoso nei diversi territori. Il prefetto Lega ha spiegato che "è stata rilevata, a livello di comprensorio, una lieve crescita dei reati nel 2018 rispetto al 2017 (+4% ma il dato non è ancora consolidato), con alcuni territori comunali che, però hanno registrato una netta flessione: -9% a Pelago,-15% a Reggello, -33% a San Godenzo e -18% a Figline Incisa. Entrando nel dettaglio dei reati più temuti dalla popolazione, si nota una diminuzione dei furti nel loro complesso (-4% circa), ma risultano in aumento i furti in abitazione (+23%), ad eccezione di Reggello e Londa". Nel 2019 il territorio reggellese è tornato invece nel mirino dei ladri di appartamento: nelle ultime settimane sono stati segnalati furti in alcune frazioni, in particolare nella zona di Cancelli. Infine, sempre dai dati della Prefettura, si evidenzia un "calo dei furti di automobili (-43%), e dello spaccio di droga (-23%), altri delitti che destano preoccupano nella cittadinanza".
“Abbiamo fatto un’approfondita analisi di un comprensorio – ha sottolineato il prefetto Laura Lega – che non presenta grandi criticità né escalation criminose. Si riscontra una situazione a macchia di leopardo, dove l’azione coordinata tra istituzioni statali, enti locali e forze di polizia funziona. Pertanto il nostro impegno proseguirà all’insegna della stessa fattiva collaborazione, puntando l’azione su obiettivi mirati per dare risposte concrete alle istanze di sicurezza dei cittadini. Massima è l’attenzione, confermata anche dall’operazione svolta in queste ore dai Carabinieri nel contrastare i reati predatori”.
Positivo è stato il riscontro da parte dei sindaci. “Ringraziamo il Prefetto per questo incontro - ha dichiarato Monica Marini, Sindaco di Pontassieve in qualità di Presidente dell’Unione di Comuni Valdarno e Valdisieve - è stato un importante momento di confronto tra tutti gli attori istituzionali che lavorano ogni giorno sulla sicurezza e sulla percezione della sicurezza. Il nostro è un territorio che non presenta particolari criticità, ma proprio per questo necessita di mantenere alta l’attenzione e di continuare a lavorare in sinergia approntando tutte le misure e le soluzioni necessarie per migliorare ancora la qualità della vita dei nostri cittadini”.