Benvenuto

Benvenuto nel sito “Insangodenzo”, questo sito raccoglie tutte le informazioni sugli operatori turistici, attività commerciali, artigiani e piccoli produttori agricoli, news curiosità e quant'altro riguarda gli eventi nel comune di San Godenzo.

IN TOSCANA, al confine tra MUGELLO e VAL DI SIEVE, prendendo da DICOMANO la direzione verso FORLì, dopo circa 10 chilometri quasi al confine con la ROMAGNA , tra la valle dell'ACQUA CHETA ed il MONTE FALTERONA, troviamo il paese di SAN GODENZO, nella cui famosa abazia nel 1302 DANTE ALIGHIERI convenne con gli esuli guelfi bianchi e Ghibellini.

SAN GODENZO comune della MONTAGNA FIORENTINA ha una notevole estensione territoriale ed ha un dislivello tra il punto più alto (M. Falco, m 1658) e quello più basso (oltre Ponte alla Corella, m 240) di oltre 1400 metri, mostrando delle caratteristiche rudemente alpestri, con monti strapiombanti e profonde vallate. Dal territorio del Comune di San Godenzo, nella frazione de Il CASTAGNO D'ANDREA è possibile entrare nell'area protetta del PARCO NAZIONALE FORESTE CASENTINESI, MONTE FALTERONA e CAMPIGNA, una tra le piu'suggestive porte del versante fiorentino del Parco.

giovedì 18 aprile 2019

Tramvia: servizio garantito senza interruzioni per Pasqua, Pasquetta, 25 Aprile e 1 maggio

La tramvia a Firenze non si ferma per le feste. In vista delle prossime festività, Gest informa che il servizio sarà garantito senza interruzioni per le giornate di Pasqua, Pasquetta, 25 aprile e 1 maggio. 

Dal 21 aprile al 1 maggio la tramvia non si ferma e, come di consueto, viaggerà, senza interruzioni, dalle 5.00 del mattino fino alle 00.30 di notte.

Da venerdì 19 aprile fino a mercoledì 1 maggio le frequenze subiranno alcune piccole variazioni, informa Gesti, ma non cambieranno le prime ed ultime corse.

Viene confermata l'estensione del servizio alle 2 di notte il venerdì e sabato sera.

Per la giornata di Pasqua e Pasquetta (21 e 22 aprile), per la Giornata dell'Anniversario della liberazione d'Italia (25 aprile) e per la Festa del Lavoro (1 maggio) sarà garantito il servizio tutto il giorno, sempre dalle 5.00 alle 00.30, con una corsa tra i 7 e gli 11 minuti, in base alle fasce orarie, sia per la Linea T1 che per la Linea T2.

Orari e frequenze dal 19 aprile al 1 maggio sono consultabili nella sezione ORARI del sito: https://www.gestramvia.com/orari


International Jazz day la sala delle Eroine ospita il concerto Storyville a Pontassieve

Anche quest'anno – lunedì 29 aprile 2019 - in occasione della "Giornata mondiale del jazz UNESCO" il Comune di Pontassieve in collaborazione con la scuola comunale di musica e l'associazione Sound organizza una serata ad ingresso gratuito per “far vivere” un concerto di musica jazz.
Il titolo della serata (sala Eroine, palazzo comunale ore 21,15), "Storyville", riporta alla mente l’omonimo quartiere, che dal 1890 al 1917 è stato il quartiere a luci rosse di New Orleans, che ha visto nascere non solo la musica jazz, ma anche tanti geniali musicisti come King Oliver, Scott Joplin, Luis Armstrong tanti altri. Il progetto voluto e realizzato dal trombettista Franco Baggiani sarà una bella opportunità per gettare lo sguardo su quella che può essere a buon diritto definita la vera musica classica americana addentrandosi poi nella genialità di Luis Armstrong che attraverso la sua musica, sempre attuale e contemporanea, ci porta direttamente in un epoca fantastica e piena di contraddizioni.
Si esibiranno Franco Baggiani, tromba, Susanna Crociani sax alto e soprano, Giacomo Downie sax baritono e direzione musicale, Alberto Rosadini batteria.
Ospite del concerto il chitarrista spagnolo di Castellòn de la Plana Fernando Marco. 
Scuola di Musica Comunale di Dicomano, Londa, Pelago, Pontassieve, Rufina
P.zza Cairoli 7 - 50065 Pontassieve (FI)
Tel. 055 8331000 - 328 7816084 - Email: info@scuolacomunaledimusica.it




25 aprile ANTIFASCISMO DEMOCRAZIA SOLIDARITA'

25 aprile 2019
ANTIFASCISMO DEMOCRAZIA SOLIDARITA'
ORE 17,00
CIRCOLO ARCI "PENNA BIANCA - A AMADEI"
CASTAGNO D'ANDREA
CANZONI E LETTURE CON MORENO CIANDRI E LA CARVONA DELLA MEMORIA
ORE 19,30 APERICENA



mercoledì 17 aprile 2019

Torna la Mostra dell’Artigianato alla Fortezza da Basso a Firenze dal 24 Aprile 2019 al 01 Maggio 2019

Mostra dell’artigianato di Firenze, si cambia. Mida 2019 punta tutto sulla qualità dell’offerta con un’attenta selezione di espositori per la 83esima edizione della manifestazione ospitata alla Fortezza da Basso di Firenze. Un elenco che comprende eccellenze italiane, ma anche il meglio delle produzioni internazionali e l’artigianato digitale, come i giovani marker.
In più eventi, dimostrazioni dal vivo dei maestri dell’hand made, 2 mostre dedicate alle eccellenze fiorentine e toscane, workshop, degustazioni, mini-corsi e visite guidate agli ambienti storici della Fortezza, gratuite per chi ha il biglietto. Filo rosso di questa grande fiera dell’artigianato i 500 anni dalla morte di Leonardo da Vinci. L’appuntamento  viene presentato ufficialmente mercoledì 17 aprile, ecco le prime anticipazioni.

Le date e gli orari

Come consueto la mostra dell’artigianato si svolge nelle date del ponte di fine aprile, con un’intera settimana dedicata alle eccellenze del settore: Mida 2019 apre i battenti mercoledì 24 aprile per andare avanti fino a mercoledì primo maggio. L’orario va dalle 10.00 alle 20.00, quando tutte le mostre e i padiglioni sono aperti, mentre dalle 20 alle 22 l’ingresso è gratuito, ma solo per provare le delizie delle corte dei sapori e visitare le mostre.

La mappa degli espositori della mostra dell’artigianato 2019

La mostra dell’artigianato 2019 di Firenze si estende su 55mila metri quadrati all’interno della Fortezza da Basso. I tre piani del grande Padiglione Spadolini ospitano il meglio dell’artigianato italiano, le creazioni dal mondo e una sezione del gusto all’ultimo livello, con aziende artigianali del settore agroalimentare, show cooking e degustazioni di vino, olio, birra e tartufo.
Le eccellenze del territorio, sono protagoniste del padiglione Cavaniglia, a cura di EligoStudio, mentre negli spazi dell’Arsenale-Basilica prende posto la nuova sezione dedicata alla cura della persona con una selezione di produttori artigianali di cosmetici, essenze, profumi e prodotti per la cura del corpo.
E poi spazio alla sartoria e agli accessori nel Liceo, ai prodotti eco e di recupero nel padiglione delle Ghiaie, all’artigianato digitale e ai marker nel padiglione Rastriglia, ai punti ristoro di qualità e allo street food nella corte dei Sapori (piazzale Nord Ovest). In programma anche seminari e workshopall’interno del Teatro Lorenese e anche due mostre dentro la mostra.

Le mostre di Mida 2019

 Nella Sala della Volta 60 tra i più importanti maestri artigiani fiorentini espongono le loro creazioni più iconiche per “Firenze su misura Wunderkammer”. L’iniziativa è promossa dalla Fondazione CR Firenze e Firenze Fiera, curata dall’Osservatorio dei Mestieri d’Arte e da Gruppo Editoriale.
L’allestimento si ispira ai solidi platonici di Leonardo da Vinci: 6 strutture, ognuna dedicata a un’arte della tradizione fiorentina sono state interpretate come sei wunderkammer (ossia “camera delle meraviglie”) in cui ammirare diamanti rari e creazioni uniche, accanto a video-documentari, suoni, profumi e dimostrazioni dal vivo di maestri artigiani.
La Polveriera custodisce invece “Le sette meraviglie della Toscana”. Alabastro, ceramica, coltelleria, bronzo, marmo, oro e tabacco sono le protagoniste della mostra curata da Once che espone una selezione di creazioni delle eccellenze artigiane del territorio.

Le visite guidate alla Fortezza e all’Opificio delle Pietre Dure

Chi ha il biglietto e gli espositori possono anche partecipare a visite guidate gratuite in due luoghi di storia dentro la Fortezza da Basso di Firenze: nei laboratori di restauro dell’Opificio delle Pietre Dure(24 e 27 aprile dalle ore 10 alle 12; 26 e 29 aprile dalle 15 alle 17); negli ambienti monumentali della Fortezza, con itinerari dai sotterranei a uno bastioni cinquecenteschi (sei turni d domenica 28 ore 10.30, 11.30 e 12.30 e lunedì 29 aprile ore 15.00, 16.00 e 17.00) con prenotazione contattando l’associazione Muse.

La mostra dell’artigianato di Firenze: i biglietti

Il biglietto intero per la mostra internazionale dell’artigianato costa 7 euro, 5 euro invece il ridotto (under 25, possessori carta d’argento, soci Unicoop Firenze, portatori di handicap), mentre non pagano i bambini fino a 12 anni, chi ha la Firenzecard+, gli accompagnatori di gruppi (almeno 10 persone) e quelli delle persone con handicap. Dalle ore 20 alle 22 l’ingresso è gratuito, per visitare la Corte dei Sapori e le mostre
Per evitare la coda è possibile anche acquistare online il biglietto della mostra dell’artigianato di Firenze : https://mostraartigianato.ticka.it/prenota-abbonamento-open.php?negozio_abbonamento_open_id=36&ordine_posto=UN

27 e 28 aprile Quinta Edizione de “La Leonessa” Ciclostorica sulle strade sterrate del Chianti Rufina e della Montagna Fiorentina

Si svolgerà sabato 27 e domenica 28 aprile a Pelago la quinta edizione de La Leonessa, la ciclostorica del Chianti Rufina e della Montagna Fiorentina, valida anche come Prima Tappa della Coppa Toscana Vintage 2019.
Dopo i circa 150 partecipanti dello scorso anno, per il 2019 gli iscritti hanno già superato quota 130: con loro la bellissima Piazza Ghiberti di Pelago tornerà ancora una volta a riempirsi con le mille sfumature delle tante maglie di lana, oltre a numerosi mezzi d’epoca.
Come da tradizione, i percorsi si svilupperanno su quattro distanze: due itinerari più facili, la passeggiata ed il percorso corto, e due itinerari più impegnativi, ovvero i percorsi intermedio e lungo, con la leggendaria ascesa su sterrato verso il Passo della Consuma. “La Leonessa” transita su antichi percorsi oggi poco battuti che toccano molte delle principali architetture rurali della zona risalenti in gran parte al Basso Medioevo; si attraversano coltivazioni caratteristiche come viti e oliveti, presso vecchi edifici di campagna salendo fino alle meravigliose foreste secolari vallombrosane: si potranno ammirare numerose vedute panoramiche, variazioni continue di punti di vista e percezioni sempre diverse del territorio della Montagna Fiorentina, oltre ai ristori di ColleFerranoConsuma Poggio al Commissario all’insegna dei tipici prodotti toscani e dei celebri vini ed oli d’oliva della zona.
Ricordiamo che anche al di fuori della ciclostorica dallo scorso anno è aperto il Percorso Permanente de “La Leonessa”, realizzato grazie al contributo del Comune di Pelago e destinato a diventare riferimento del cicloturismo grazie alla cartellonistica presente lungo gli 80 km della sua durata: ricalcando l’itinerario lungo della ciclostorica pelaghese, le emozioni che il territorio sa trasmettere sono vivibili per tutti i 365 giorni dell’anno.
Novità della manifestazione sarà il primo “Pinzani Day”, spazio dedicato alla figura del grande telaista di origine pelaghese Giusto Pinzani. Durante il pomeriggio di sabato 27 ci sarà la mostra dedicata ad alcune delle sue opere più prestigiose aperta dalle 14 alle 20 presso la “Bottega del Ghiberti” nella piazza omonima. Alle 17 si terrà alla Casa del Popolo un incontro dedicato al grande artigiano “Pinzani: l’uomo, il maestro”, con testimonianze e racconti legati alla figura biografica, di uomo di sport e meccanico.
Le iscrizioni sono ancora aperte e lo saranno fino a poco prima dell’inizio della manifestazione: per tutto ciò che riguarda l’evento, il regolamento, i percorsi, i luoghi di pernottamento e quant’altro, sarà sufficiente consultare il sito ufficiale leonessaciclostorica

Per altre info
Si può scrivere all’indirizzo mail ufficiale:
leonessaciclostorica@libero.it
e per le informazioni turistiche, all’indirizzo mail:
info@prolocopelago.it
Altre informazioni e curiosità si possono trovare sulle pagine social dedicate all’evento: 
  • LA LEONESSA – Ciclostorica https://www.facebook.com/LaLeonessaCiclostorica/
  • leonessaciclostorica  https://www.instagram.com/leonessaciclostorica/

Dal 16 aprile 2019 è obbligatoria la ricetta elettronica veterinaria

Dal 16 aprile 2019 diventa obbligatoria la ricetta veterinaria elettronica. L’obiettivo è semplificare la vita degli allevatori, dei proprietari di piccoli animali, dei farmacisti e dei veterinari. Ma la ricetta elettronica «serve anche ad aumentare il livello di sicurezza alimentare e nel contempo a ridurre gli oneri burocraticioltre che a un risparmio di spesa» ha affermato Silvio Borrello, direttore generale della Sanità animale e farmaci veterinari del Ministero della Salute.

Un aiuto contro l’antibioticoresistenza

In Europa, l’Italia è il primo Paese ad adottare la ricetta elettronica veterinaria. Oltre a migliorare gli aspetti già citati, questa innovazione è anche fondamentale nella strategia di lotta all’antibioticoresistenza, oltre a rappresentare uno strumento di trasparenza nella filiera dei farmaci per gli allevamenti. «Come medico – ha dichiarato Giulia Grillo, Ministro della Salute – sono pienamente consapevole della gravità del fenomeno che ogni giorno di più assume le dimensioni di una minaccia globale per la salute pubblica, amplificata dall’uso inappropriato degli antibiotici. Il sistema probabilmente avrà bisogno di una fase di assestamento, ma sono convinta che anche i più resistenti alla fine capiranno i vantaggi di questa innovazione». Sai come si usano gli antibiotici nel modo corretto?

Le stime dell’OMS

L’Organizzazione Mondiale della Sanità stima infatti che nel 2050 il fenomeno dell’antibioticoresistenza sarà responsabile di 2,4 milioni di morti soltanto nell’area dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE). In Italia, invece, si rischiano mezzo milione di decessi, con un costo per il Servizio sanitario nazionale pari a 13 miliardi di dollari.
Antibiotico resistenza: perché siamo il Paese con più morti?

I vantaggi della ricetta elettronica veterinaria

In sintesi, quindi, la nuova ricetta veterinaria elettronica offre una serie di vantaggi: aumenta la tutela della salute pubblica e dell’ambiente, favorisce l’uso corretto dei medicinali veterinari (sai che ci sono persone che somministrano i farmaci pensati per gli umani ai propri cani e gatti?), rileva il consumo reale dei medicinali veterinari, rafforza la lotta all’antimicrobico-resistenza, migliora il sistema di tracciabilità dei medicinali veterinari, riduce gli adempimenti e i costi, rende più efficiente l’attività di farmacosorveglianza e di analisi del rischio sanitariorinforza il ruolo del medico veterinario quale unico gestore del medicinale veterinario.

Come funziona?

Attraverso il portale www.vetinfo.sanita.it e il sitowww.ricettaelettronicaveterinaria.it i medici veterinari, i farmacisti, i grossisti, i mangimifici, gli allevatori e i proprietari di animali possono richiedere le credenzialiregistrarsi ed operare in base alle caratteristiche e i compiti del proprio profilo. Per emettere la ricetta, i medici veterinari possono anche utilizzare una App scaricabile dagli app store di Apple e Android.

Come ottenere la ricetta

Per consultare e scaricare le ricette, invece, tutti i cittadini (sia proprietari di pet che di animali da reddito) possono accedere all’App Mobile “cerca ricetta” dal sito www.ricettaveterinariaelettronica.it anche previa registrazione. E mediante il Numero Ricetta e il PIN a 4 cifre generato dal sistema al momento dell’emissione da parte del medico veterinario della ricetta elettronica possono scaricarla. I cittadini possono anche rivolgersi al farmacista fornendo il numero della ricetta e il PIN o, più semplicemente, il proprio codice fiscale e il PIN. Se si è un allevatore, in alternativa, si potrà fornire il codice azienda e il PIN. Il farmacista sarà in grado in questo modo di acquisire la prescrizione digitale e di consegnare il medicinale al cliente.

Cosa può fare un allevatore

Il proprietario o detentore degli animali da reddito, inoltre, può richiedere le credenziali per l’accesso al Sistema Informativo Nazionale della Farmacosorveglianza (VETINFO). In questo modo potrà avere pieno accesso ai servizi messi a disposizione dal sistema per consultare le proprie ricette veterinarie elettroniche e le scorte autorizzate presso l’allevamento, consultare e utilizzare i protocolli terapeutici, registrare i trattamenti e consultare il Registro dei Trattamenti, gestire i dati e le anagrafiche di supporto.


martedì 16 aprile 2019

SCOPPIO DEL CARRO SABATO 20 APRILE ALLA RUFINA

Torna una delle tradizioni più amate dai cittadini di Rufina e della Valdisieve: anche quest’anno alle 23 del sabato di Pasqua in Piazza Umberto I, ci sarà Lo Scoppio del Carro. L’appuntamento, giunto alla sua 82^ edizione, è per la notte tra sabato 20 aprile e domenica 21 aprile, alle 23 in piazza Umberto I. 
L’evento è organizzato dal Comitato per lo Scoppio del Carro in Rufina.





Le uova di Pasq...no, primavera. Sabato 20 aprile 2019 al Museo Archeologico di Dicomano

Per la serie di appuntamenti rivolti ai ragazzi, in occasione della Pasqua, al Museo archeologico di Dicomano, sabato 20 aprile alle ore 16:30, si terrà un laboratorio per la realizzazione di un  uovo di Pasqua ...anzi di Primavera.
 L'ingresso è gratuito e la prenotazione obbligatoria (tel. 0558385408 e-mail: cultura@comune.dicomano.fi.it).




lunedì 15 aprile 2019

Legge 104, si allarga la platea: congedo straordinario anche ai figli non conviventi

Il congedo straordinario biennale previsto dalla legge 104 spetta anche al figlio non convivente con il genitore in situazione di disabilità grave. Lo ha stabilito una sentenza della Corte Costituzionale recepita dall’Inps con una specifica circolare. Si tratta di una modifica all’articolo 42, comma 5, del decreto legislativo n. 151/2001, in base alla quale per utilizzare il congedo è necessario il requisito della convivenza.
COSA CAMBIA  – Non sarà quindi necessario che il figlio già conviva con il genitore al momento in cui è presentata la domanda, ma l’Inps specifica che in ogni caso il diritto al congedo straordinario spetta sempre nel rispetto dell’ordine di priorità. In altre parole: il figlio non convivente del disabile grave potrà tuttavia richiedere e beneficiare dei due anni di congedo straordinario soltanto qualora tutti gli altri aventi diritto siano mancanti, assenti o a loro volta affetti da disabilità.
LA SENTENZA – La Corte, con sentenza 232/2018, ha stabilito il diritto anche per il figlio che, “al momento della presentazione della richiesta del congedo, ancora non conviva con il genitore in situazione di disabilità grave, ma che tale convivenza successivamente instauri, in caso di mancanza, decesso o in presenza di patologie invalidanti del coniuge convivente, del padre e della madre, anche adottivi, dei figli conviventi, dei fratelli e delle sorelle conviventi, dei parenti o affini entro il terzo grado conviventi, legittimati a richiedere il beneficio in via prioritaria secondo l’ordine determinato dalla legge”.
LEGGE 104, DICHIARAZIONE DI CONVIVENZA – Per utilizzare il congedo, il figlio non ancora convivente è tenuto a dichiarare nella domanda, sotto la propria responsabilità, che provvederà ad instaurare la convivenza con il familiare disabile in situazione di gravità entro l’inizio del congedo richiesto e a conservarla per tutta la durata dello stesso.
La nuova disciplina si applica retroattivamente solo ai casi per i quali non sia intervenuta sentenza passata in giudicato alla data della pubblicazione della sentenza della Corte costituzionale (12 dicembre 2018).
ORDINE DI PRIORITA’ DEL CONGEDO STRAORDINARIO – L’Inps ha rivisto l’ordine di priorità del congedo straordinario di due anni previsto dalla legge 104/1992:
  1. il “coniuge convivente” o la “parte dell’unione civile convivente” della persona disabile in situazione di gravità;
  2. il padre o la madre, anche adottivi o affidatari, della persona disabile in situazione di gravità, in caso di mancanza, decesso o in presenza di patologie invalidanti del “coniuge convivente” o della “parte dell’unione civile convivente”;
  3. uno dei “figli conviventi” della persona disabile in situazione di gravità, nel caso in cui il “coniuge convivente” o la “parte dell’unione civile convivente” ed entrambi i genitori del disabile siano mancanti, deceduti o affetti da patologie invalidanti;
  4. uno dei “fratelli o sorelle conviventi” della persona disabile in situazione di gravità nel caso in cui il “coniuge convivente” o la “parte dell’unione civile convivente”, “entrambi i genitori” e i “figli conviventi” del disabile siano mancanti, deceduti o affetti da patologie invalidanti;
  5. un “parente o affine entro il terzo grado convivente” della persona disabile in situazione di gravità nel caso in cui il “coniuge convivente” o la “parte dell’unione civile convivente”, “entrambi i genitori”, i “figli conviventi” e i “fratelli o sorelle conviventi” siano mancanti, deceduti o affetti da patologie invalidanti;
  6. uno dei figli non ancora conviventi con la persona disabile in situazione di gravità, ma che tale convivenza instauri successivamente, nel caso in cui il “coniuge convivente” o la “parte dell’unione civile convivente”, “entrambi i genitori”, i “figli conviventi” e i “fratelli o sorelle conviventi” , i “parenti o affini entro il terzo grado conviventi” siano mancanti, deceduti o affetti da patologie invalidanti.



Decine di bambini morti, la Fisher-Price richiama milioni di culle

Milioni di culle Fisher-Price sono stati richiamate dopo decine di morti di bambini. Lo ha annunciato la Consumer Product Safety Commission (CPSC) degli Stati Uniti. “«Si sono verificati incidenti mortali con la culla Rock ’n Play Sleepers, dopo che i bambini si sono rotolati e sono rimasti soffocati», ha spiegato la Commissione. Il richiamo riguarda circa 4,7 milioni di prodotti, ha aggiunto.
Almeno 32 neonati sono morti nelle culle del fabbricante di giocattoli dal 2009, ha sottolineato un Report dei consumatori. «Mentre continuiamo a stare al passo con la sicurezza di tutti i nostri prodotti - ha comunicato ’azienda di proprietà Mattel -, dati gli incidenti segnalati in cui il prodotto è stato utilizzato in contrasto con le avvertenze e le istruzioni di sicurezza, abbiamo deciso che questo richiamo volontario è la migliore linea d’azione»
Martedì scorso l’American Academy of Pediatrics aveva chiesto che il prodotto venisse ritirato dal mercato.
 Il suo presidente, Kyle Yasuda, aveva descritto la culla come «mortale» e detto che era «necessaria un’azione immediata».




Medicina, l’Aifa ritira antibiotici: “Danneggiano muscoli e ossa, non assumeteli”

L'Agenzia Italiana del Farmaco – autorità che ha la competenza per la regolazione dei medicinali nel nostro paese – ha diramato un allarme su alcuni antibiotici di uso comune: si tratta di quelli contenenti fluorochinoloni (ciprofloxacina – levofloxacina – moxifloxacina – pefloxacina – prulifloxacina – rufloxacina – norfloxacina – lomefloxacina) e chinoloni. In una nota l'Aifa scrive: "Sono state segnalate con gli antibiotici chinolonici e fluorochinolonici reazioni avverse invalidanti, di lunga durata e potenzialmente permanenti, principalmente a carico del sistema muscoloscheletrico e del sistema nervoso. Di conseguenza, sono stati rivalutati i benefici ed i rischi di tutti gli antibiotici chinolonici e fluorochinolonici e le loro indicazioni nei paesi dell'UE. I medicinali contenenti cinoxacina, flumechina, acido nalidixico e acido pipemidico verranno ritirati dal commercio".
L'AIFA ha indicato ai medici di non prescrivere questi medicinali "per il trattamento di infezioni non gravi o autolimitanti (quali faringite, tonsillite e bronchite acuta); per la prevenzione della diarrea del viaggiatore o delle infezioni ricorrenti delle vie urinarie inferiori; per infezioni non batteriche, per esempio la prostatite non batterica (cronica); per le infezioni da lievi a moderate (incluse la cistite non complicata, l'esacerbazione acuta della bronchite cronica e della broncopneumopatia cronica ostruttiva – BPCO, la rinosinusite batterica acuta e l'otite media acuta), a meno che altri antibiotici comunemente raccomandati per queste infezioni siano ritenuti inappropriati; ai pazienti che in passato abbiano manifestato reazioni avverse gravi ad un antibiotico chinolonico o fluorochinolonico".
Ai dottori è stato inoltre indicati di somministrate i farmaci in questione "con particolare prudenza agli anziani, ai pazienti con compromissione renale, ai pazienti sottoposti a trapianto d'organo solido ed a quelli trattati contemporaneamente con corticosteroidi, poiché il rischio di tendinite e rottura di tendine indotte dai fluorochinoloni può essere maggiore in questi pazienti. Dev'essere evitato l'uso concomitante di corticosteroidi con fluorochinoloni". Inoltre i malati vanno informati "d'interrompere il trattamento ai primi segni di reazione avversa grave quale tendinite e rottura del tendine, dolore muscolare, debolezza muscolare, dolore articolare, gonfiore articolare, neuropatia periferica ed effetti a carico del sistema nervoso centrale, e di consultare il proprio medico per ulteriori consigli".


Ponte Vespucci a Firenze riapre ai pedoni

Riapre al transito pedonale Ponte Vespucci. 

Un mese fa gli uffici avevano precauzionalmente chiuso il ponte di Firenze al transito pedonale, in concomitanza con l’avvio della fase attuale delle lavorazioni: iniezioni di malta cementizia all’interno dello strato di ghiaia in cui sono infissi i pali di fondazione. 

In queste settimane, fa sapere il Comune di Firenze in un comunicato, la struttura è stata sottoposta a un monitoraggio h24 e dalle analisi è emerso che la struttura non presenta particolari reazioni alle sollecitazioni derivanti dall’intervento in corso. 

Così a partire da sabato 13 aprile, alle ore 10, sarà temporaneamente riaperto il passaggio pedonale. 


Tornano la Giostra del Giglio e Fiorente a Firenze

Sono stati presentati gli eventi equestri 2019 per quanto riguarda le tradizioni popolari fiorentine.

Il Comune di Firenze e la Parte Guelfa, Cavalleria della Repubblica Fiorentina, organizzano con la Federazione Italiana Sport Equestri e col supporto dell’Ippodromo del Visarno nella giornata di Sabato 29 Giugno 2019 in Piazza Santa Croce a Firenze, la Giostra del Giglio, il torneo equestre agli anelli di Firenze. Le giostre agli anelli consistevano in gare a cavallo, durante la quale i cavalieri cercavano di infilare la lancia o la spada in un anello sospeso.

Come nelle precedenti edizioni, anche la Giostra del Giglio 2019 sarà preceduta da cortei dei quattro Colori che partendo dalle quattro basiliche attraverseranno la città e raggiungeranno Piazza Signoria; si terrà intorno alle 17.30 la cerimonia della distribuzione delle lance per poi raggiungere l’arena di Santa Croce ove i cavalieri, rappresentanti i quattro Quartieri di Firenze, disputeranno le carriere secondo l’ordine dei Colori sorteggiato il giorno di Pasqua per conquistare laLancia Guelfa della vittoria. Nel 2016, 2017 e 2018 il trofeo è andato ai Bianchi di Santo Spirito.

In programma invece domenica 15 dicembre 2019 'Fiorente', la magnifica cavalcata urbana che si snoderà durante la mattinata per le strade e le piazze di Firenze con un tracciato più esteso in occasione della sua terza edizione organizzata dall'Arciconfraternita di Parte Guelfa, dal Comune di Firenze, dalla Federazione Italiana Sport Equestri e dall'Ippodromo del Visarno, affonda le proprie radici storiche nelle parate a cavallo che si tenevano nel centro cittadino di Firenze in occasione delle visite di teste coronate e altre importanti personalità e avrà una destinazione benefica a favore della Fondazione Meyer.


venerdì 12 aprile 2019

STREET ART A FIRENZE, NUOVI MURALES DALLE SCUOLE ALLA TRAMVIA

Via libera del Comune di Firenze a nuovi murales sulle pareti di scuole, case popolari, impianti sportivi e sottopassi della tramvia. 
Ecco dove nasceranno le nuove opere di street art

La street art invade i quartieri di Firenze, con nuovi murales tracciati su “muri legali”, ossia in spazi  che il Comune riserva a questo tipo di arte. Sulla nuova scuola Dino Compagni nascerà l’opera di  uno degli street artist più importanti a livello internazionale, mentre colorati murales d’artista arriveranno sulle facciate di 6 condomini di edilizia residenziale pubblica, nei 3 sottopassi della tramvia e anche sulla parete dell’Audace Legnaia.

IL MURALE DI TOXIC ALLA DINO COMPAGNI

La nuova scuola Dino Compagni di Campo di Marte avrà sulle sue pareti una celebre firma: l’opera è stata affidata a Toxic, al secolo Torrick Ablack, artista statunitense pioniere della street art, che vive da qualche anno proprio a Firenze.

I SUPER GRAFFITI SUI CONDOMINI POPOLARI

Dopo il fortunato esperimento del murales di Jorit dedicato a Nelson Mandela sulla facciata del “condominio dei diritti” di piazza Lepoldo, altri 6 complessi di edilizia residenziale pubblica ospiteranno altrettante opere di street art, dal Quartiere 2 al Q3, passando per l’Isolotto.
Ecco in dettaglio dove nasceranno i  nuovi murales: sui condomini Erp di via Rocca Tedalda ai numeri civici 267, 371 e 409 a Rovezzano; in quello di via Benedetto Croce al numero 24  nel Quartiere 3, oltre ai complessi di piazzetta San Sepolcro 7 e viale Canova 114 all’Isolotto.

MURALES NEI SOTTOPASSAGGI DELLA TRAMVIA

La street art colora anche i 3 sottopassi della tramvia: sulla linea uno il sottopassaggio Foggini nel Quartiere 4, mentre lungo il tracciato della linea 2 quello tra il palazzo Mazzoni di viale Belfiore e la fermata Redi e il tunnel tra via Allori e il capolinea dell’aeroporto di Firenze.

IL MURALE PER IL PARTIGIANO PILLO A LEGNAIA

A questi si aggiunge anche il murales dedicato alla memoria di Silvano Sarti, il partigiano "Pillo" simbolo della liberazione di Firenze scomparso di recente. L’opera, a firma dello street artist e architetto DesX e dedicata al tema della Resistenza, sarà realizzata su un muro dell’impianto sportivo gestito dall’Audace Legnaia, che si affaccia su via Antonio del Pollaiolo, a poche centinaia di metri da dove abitava Sarti.
L'opera sarà composta dalla raffigurazione del volto del partigiano Pillo in primo piano e un bosco di sfondo, per evocare l’esperienza della Resistenza, nel quale si muovono due giovani partigiani , una donna e un uomo che simboleggiano la presa di coscienza e la rivolta contro l’oppressione.

IL REGOLAMENTO SULLA STREET ART A FIRENZE

Tra il 2016 e il 2017 è stato delineato il regolamento comunale per la street art a Firenze. Da una parte ci sono  “spazi d’arte”, individuati dall’amministrazione comunale per progetti artistici di interesse, dall’altra è stato definito un elenco di “spazi liberi” dove gli street artist, fiorentini e non, possono esprimersi liberamente.



Fiorentina, domenica sciopero del tifo contro il Bologna. E Firenze si risveglia tappezzata di striscioni

Infuria la contestazione a Firenze dopo la sconfitta di domenica scorsa contro il Frosinone e la rocambolesca settimana che, in casa Fiorentina, ha portato prima alle dimissioni di Stefano Pioli, poi all'arrivo (anzi, al ritorno) di Vincenzo Montella sulla panchina viola.

Già domenica scorsa diversi cori da parte dei tifosi contro i Della Valle, poi la presa di posizione (forte) dei gruppi del tifo organizzato. Mercoledì sera una riunione dell'Associazione Tifosi Fiorentini ha portato ad una nota: "Registriamo un unico fronte compatto, critico nei confronti di una proprietà colpevole di aver abbandonato da anni la nostra amata Fiorentina. La prima mossa concreta che il tifo organizzato farà è quella di lasciare gli spalti vuoti i primi 45 minuti di Fiorentina-Bologna, in programma domenica. Un segnale di rottura nei confronti dei Della Valle, che certamente non passerà inosservato. Invitiamo tutti coloro i quali hanno scelto da tempo di protestare disertando lo stadio di fare il biglietto ed entrare per unirsi alla protesta.
Sarà un momento importante che aprirà una serie di iniziative, quindi la presenza è fondamentale. Nel secondo tempo i tifosi saliranno sugli spalti sostenendo i ragazzi in campo. Per la maglia e per chi ci crede ancora“.

Intanto, dalle prime ore di questa mattina, Firenze si è risvegliata tappezzata di striscioni con scritte 'Della Valle vattene', diversi dei quali firmati 'Firenze'. Sono apparsi al Piazzale Michelangelo, sul cavalcavia del Gignoro, in zona Fortezza, in viale Talenti, via Aretina e zona Casellina a Scandicci.



Restaurate le bandiere del Corteo storico della Repubblica fiorentina: 47 simboli rinnovati

Tornano a splendere la bandiere del Corteo storico. Grazie alla sponsorizzazione tecnica dell’ufficio consulenti finanziari di Banca Mediolanum, sono state restaurate le ultime cinque bandiere che mancavano per completare il lavoro di questi anni: da oggi tutte le 47 bandiere restaurate potranno sfilare nei colori e nelle stoffe rinnovate con l’intervento di Scramasax Firenze. 
Le bandiere sono state presentate oggi in Palazzo Vecchio dall’assessore alle Tradizioni popolari e dal direttore del Corteo storico Filippo Giovannelli. 
Sono state restaurate le cinque bandiere della Repubblica fiorentina che partecipano alle sfilate del Corteo storico per le grandi manifestazioni della Tradizione popolare come lo Scoppio del Carro e il Calcio storico fiorentino. Le bandiere restaurate rappresentano: Bandiera del Comune - Bianca e Rossa bipartita; Bandiera della Parte Guelfa - Aquila rossa che ghermisce un Drago Verde; Bandiera dei Priori di Libertà - Su fondo azzurro la scritta Libertas; Bandiera della Chiesa - Chiavi d'oro su fondo rosso; Bandiera della Repubblica Fiorentina - Croce bianca su fondo rosso. E' stata inoltre realizzata una nuova bandiera che rappresenta il Gonfalone della Compagnia del Lion Nero del Quartiere di Santa Croce: la bandiera, realizzata a mano, ha consentito anche di correggere un errore araldico nella rappresentazione che vedeva un Leone rampante Nero su sfondo azzurro, anziché su sfondo argento, come testimoniato da uno studio condotto su dipinti e affreschi di importanza storica


Luco di Mugello. L’ex ospedale apre le porte, sabato 13 aprile evento straordinario

Presentazione dei progetti di restauro conservativo, concerto del Maggio e visita del chiostro
L’antico ospedale di Luco di Mugello apre le sue porte in via del tutto eccezionale, con un concerto di musica sacra della Fondazione del Maggio Musicale Fiorentino e la presentazione dei progetti del restauro conservativo del complesso. L’appuntamento, in quello che è stato nei secoli anche monastero camaldolese, è per sabato 13 aprile alle 10.30: un evento che vede insieme Regione, Comune e Maggio Musicale appunto, prima il concerto e poi a seguire, tra le 11.30 e le 12.30, la visita del chiostro. Il tutto ad ingresso gratuito.
La storia dell’edificio è antica è suggestiva, una testimonianza storico-architettonica a cui la popolazione del Mugello è particolarmente legata: la posa delle prima pietra del cenobio femminile di San Pietro nel 1086, il chiostro rinascimentale, nel 1473 l’ampliamento del convento e poi nell’agosto 1871 l’inaugurazione dell’ospedale.
Il complesso è enorme: 3.500 metri quadri coperti ed altri cinquemila di pertinenza scoperti. Fino alla fine degli anni Settanta del Novecento ha ospitato un ospedale, per altri venti ha mantenuto una funzione di presidio. Poi l’abbandono.
Alla Regione Toscana l’immobile è arrivato negli ultimi giorni del 2007. Nel 2013, a seguito di un accordo di programma con l’allora Provincia, il Comune e al Soprintendenza, è stata cambiata la destinazione urbanistica: da sanitaria a turistico ricettiva, culturale e di servizio. L’obiettivo era alienarlo o valorizzarlo per ospitarvi attività che potessero rivelarsi volano per l’economia locale, preservando naturalmente la caratteristiche storiche ed architettoniche dell’edificio. Con il complesso immobiliare sono stati messi ripetutamente all’asta anche lotti di terreno attorno, da parte del Comune.
La posizione, in collina, è splendida: l’autodromo del Mugello dista appena quattro chilometri, a tredici uno dei più prestigiosi campi da golf d’Italia e a quindici chilometri c’è il lago di Bilancino. Ma nessun acquirente si è fatto avanti e lo scorso novembre, nel 2018, il complesso è stato conferito alla Fondazione del Maggio al fine di contribuire alla sua ripatrimonializzazione.
L’impegno per l’alienazione dell’ex ospedale rimane. Nel frattempo la Regione ha stanziato 500 mila euro per finanziare il primo lotto di lavori per il restauro conservativo. L’intervento sarà appaltato nel 2020 e se ne terrà di conto nel determinare il prezzo dell’eventuale successiva vendita. Il progetto – ed altri reperti storici – saranno in mostra sabato nell’ex monastero ed ospedale, in visione poi nei giorni successivi nelle Sale del Palazzo Comunale di Borgo San Lorenzo.


Strada, nuovo codice: supermulta e via la patente per chi guida al cellulare

Resta a 130 km/h il limite in autostrada. Salgono le sanzioni in caso di parcheggi sugli spazi dedicati ai disabili: raddoppia la decurtazione di punti

Niente divieto di fumo alla guida, niente innalzamento dei limiti di velocità in autostrada, ma nel nuovo Codice della strada arriva il quadruplicamento delle sanzioni per chi si mette al volante con il telefonino in mano. Arrivando fino alla sospensione della patente. Il testo con le modifiche è già stato inviato ai gruppi parlamentari e dovrebbe giungere nell'Aula di Montecitorio a maggio.
Giro di vite per chi usa lo smartphone alla guida - Sull'inasprimento delle sanzioni M5s e Lega sono d'accordo e il nuovo codice sarà severo soprattutto su chi guida utilizzando "smartphone, computer portatili, notebook, tablet e dispositivi analoghi che comportino anche solo temporaneamente l'allontanamento delle mani dal volante", scrive il "Messaggero". Oggi le sanzioni sono tra i 161 e i 467 euro. Passeranno alla forbice 422-1.697 euro più "sospensione della patente di guida da sette giorni a due mesi". In caso di recidiva si procede a una sanzione ancora più cara (da 644 a 2.588 euro) e alla sospensione della patente da uno a tre mesi, oltre alla decurtazione dei punti che passa da 5 a 10.

Sosta vietata, sanzioni più salate - Regole più severe anche per la sosta vietata, soprattutto in determinate aree. Via due punti se si parcheggia su spazi riservati alla ricarica dei veicoli elettrici, quattro (oggi sono due) per chi lascia l'auto su spazi riservati ai disabili o sul marciapiede, con multe che salgono da un minimo di 161 euro (non più 85) a un massimo di 647 (non più 334). Sanzione raddoppiata anche per gli scooter: dagli 80 ai 328 euro.

Più controlli e niente divieto di fumo alla guida - Più controlli per l'uso di stupefacenti, con accertamenti sulla saliva possibili anche con laboratori mobili. Chi si rifiuterà rischia una multa da 422 a 1.697 euro. Non c'è invece nessun divieto di fumo alla guida. Le biciclette potranno circolare sulle strade, ai semafori e agli incroci sarà sistemata la linea di arresto avanzata "almeno a tre metri rispetto alla linea di arresto stabilita per il flusso veicolare".

Infine, parcheggi "rosa" gratis per le donne incinte e per chi ha in auto bambini fino a un anno di età, abolito l'obbligo di uso diurno delle luci di posizione e degli anabbaglianti, ok alla circolazione degli scooter 125 su autostrade e strade extraurbane.


giovedì 11 aprile 2019

SALDI A FIRENZE: COSA C’È DA SAPERE SU QUELLI DI MEZZA STAGIONE

Non ci sono più le mezze stagioni? Per gli scontisembra proprio di sì, visto che da qualche giorno hanno fatto capolino nelle vetrine dei negozi di abbigliamento percentuali allettanti che promettono prezzi tagliati. Anche a Firenze arrivano i “saldi di mezza stagione”, che riguardano in particolare alcuni capi primaveriliprima di far posto alla collezione estiva.
Le virgolette sono d’obbligo perché per la legge esistono solo i ribassi di fine stagione. I “mid season sale”, come vengono spesso chiamati prendendo in prestito il termine inglese, sono delle vendite promozionali decise dalle singole boutique per i clienti più fedeli, spesso riservate a chi ha la tessera fedeltà del negozio, su alcuni capi selezionati.

MID SEASON SALE, QUANDO INIZIANO?

Qual è la data di partenza di questi “saldi intermedi”? Dipende dal punto vendita o dalla catena, ma è piuttosto comune che gli sconti di primavera prendano il via a fine marzo per concludersi nella prima metà di aprile. In genere i ribassi riguardano i capi della collezione spring, come maglioncini di cotone, giacchette leggere, pantaloni lunghi non troppo pesanti.

I SALDI A FIRENZE, LA MEZZA STAGONE, UNA PRIMAVERA DI SCONTI

In media lo sconto si aggira intorno al 20 o 30% in meno del prezzo di cartellino. Basta girare per le vie dello shopping di Firenze per farsi un’idea. Benetton nei suoi store del centro e della periferia propone il 30% in meno su capi selezionati, stessa percentuale di ribasso per Desigual, sempre su una rosa limitata di vestiti. Nei punti vendita di abbigliamento per bambini la riduzione può arrivare invece fino al 50%.



Un giorno all’Università, sabato 13 aprile 2019 torna l’appuntamento con l’orientamento

Lezioni, laboratori ed esercitazioni in vista del prossimo anno accademico. Al campus di Novoli l’iniziativa rivolta agli studenti delle scuole superiori

Sabato 13 aprile al campus di Novoli per il più importante appuntamento dell’Università di Firenze dedicato all’orientamento. Si tratta di “Un giorno all’Università” (Edificio D6, via delle Pandette, 9). L’iniziativa è rivolta agli studenti delle scuole secondarie di secondo grado, ai loro familiari e a quanti sono interessati a conoscere l’offerta formativa dell’Ateneo per il prossimo anno accademico. 

A partire dalle ore 9 e fino alle 13, saranno presenti punti informativi sulle attività didattiche delle Scuole di Ateneo e sui vari servizi come le biblioteche, il Centro linguistico, le attività di divulgazione scientifica, il Centro universitario sportivo, il servizio di divulgazione scientifica dell’Ateneo OpenLab e la casa editrice d’Ateneo Firenze University Press. 

Nel corso della mattinata, sempre dalle 9 alle 13, le dieci Scuole d’Ateneo si presentano alle future matricole attraverso lezioni che si terranno presso la Sala Convegni (Agraria, Scienze della Salute Umana/Farmacia, Scienze Matematiche Fisiche e Naturali, Ingegneria, Psicologia e Architettura,) e l’Aula magna (Studi Umanistici e della Formazione/Lettere e Filosofia, Scienze politiche, Studi Umanistici e della Formazione/Scienze della Formazione, Economia e Management, Scienze della Salute Umana/Medicina e Giurisprudenza). 

Nel pomeriggio focus sulla preparazione alla prova di ammissione ai corsi di laurea a numero programmato nazionale: dalle ore 14.30, sarà possibile esercitarsi in vista della prova per i corsi di laurea in Medicina e chirurgia, Odontoiatria e protesi dentaria (Aula 118), e per la prova di Architettura e Scienze dell’Architettura (stesso orario, aula 007). 

Nel pomeriggio, si svolgono anche due laboratori, organizzati in collaborazione con l’Ordine degli psicologi e l’Ufficio scolastico regionale della Toscana. Nel primo - dedicato all’autoefficacia - si lavorerà sulle capacità che aiutano a sentirsi in grado di gestire eventi e compiti diversi; il secondo, sul problem solving, offrirà spunti per sviluppare strategie utili a far fronte a situazioni critiche ( dalle 14.30 alle 17.30 - aule 005, 006, 011 e 014). 

Info su www.unifi.it/orientamento




Riqualificazione alla stazione di Dicomano, via il passaggio a livello a Sandetole

 Ammontano a 13 milioni e mezzo d'euro gli interventi infrastrutturali che Rfi realizzerà nel comune di Dicomano. E' quanto emerso dall'assemblea pubblica a cui hanno partecipato rappresentanti della Direzione investimenti di RFI e il sindaco per illustrare nel dettaglio il programma di riqualificazione delle stazioni ferroviarie di Dicomano e Contea-Londa, e della viabilità limitrofa, con migliorie verso l'utenza e modifiche infrastrutturali per velocizzare gli incroci, per un investimento di 9,15 milioni. Oltre a questi interventi è prevista l'eliminazione del passaggio a livello al Km 14+311 in prossimità della stazione del capoluogo e quello al Km 17+685 all'intersezione con la SS67 in località Sandetole che comporterà un assetto viario alternativo e viabilità di ricucitura, per 4,35 milioni di investimento.

mercoledì 10 aprile 2019

Alla scoperta delle Ville e dei Giardini medicei Le iniziative previste nella Giornata internazionale dei monumenti e dei siti

Torna il 18 aprile la Giornata internazionale dei monumenti e dei siti, istituita nel 1983 dall'Unesco e da Icomos.
In occasione di questa giornata, che quest'anno Icoms ha voluto dedicare ai paesaggi rurali, sono state organizzate una serie di iniziative alla scoperta  delle Ville e dei Giardini medicei della Toscana.

Villa Medici a Fiesole
Villa e Giardino di Castello
Villa medicea La Petraia
Giardino mediceo di Pratolino
Giardino di Boboli
Villa medicea del Poggio Imperiale
Villa medicea di Artimino
Palazzo mediceo di Seravezza
Villa medicea di Poggio a Caiano
Villa medicea di Cerreto Guidi
Villa Medicea la Magia
 

Villa Medici a Fiesole
Via Angelico 2, Fiesole (Firenze)
Visita del giardino
dalle ore 16.00 alle ore 17.30
Prenotazione obbligatoria:
annamarchimazzini@gmail.com


Villa e Giardino di Castello
Via di Castello 46, Località Castello (Firenze)

Accademia della Crusca
ore 13.00, ore 14.00 e ore 15.00 visite guidate per gruppi di 35 persone
Prenotazione obbligatoria:
cell. 366 6461986 (dal lunedì al venerdì dalle ore 10.00 alle ore 15.00)  o e-mail: incontralacrusca@crusca.fi.it.
Giardino – apertura al pubblico dalle 8.30 alle 19.00 (ultimo ingresso ore 18.30)
Ore 11.00 e ore 16.00: accensione delle fontane di Ercole e Anteo e della Grotta  degli Animali
Visite guidate
  • ore 10.00 a cura di Giulia Valcamonica, curatrice delle collezioni d'arte, Polo museale della Toscana
  • ore 11.30 a cura di Paolo Galeotti, responsabile del giardino e delle collezioni botaniche, Polo museale della Toscana
  • ore 16.30 a cura di Paolo Galeotti, responsabile del giardino e delle collezioni botaniche, Polo museale della Toscana
  • ore 17.00 a cura di Ezia Lucia Veronesi, funzionario storico dell'arte – Segretariato Regionale della Toscana
Visite guidate prenotazione obbligatoria (fino a un massimo di 30 persone)
email: pm-tos.giardinocastello@beniculturali.it (nella mail precisare il nominativo e l'orario della visita)
Apertura dei cancelli tra Petraia e Castello per il percorso carrozzabile
dalle ore 14.00 alle ore 18.30
 

Villa medicea La Petraia
Via della Petraia 40, Località Castello (Firenze)
Apertura della Villa
dalle ore 8.30 alle 18.30 (ultimo ingresso ore 17.30)
Visite della Villa a cura del personale del Museo, ogni ora fino alle ore 15.30 (ultima visita in Villa)
  • Ore 10.30 e ore 15.00 –  a cura di Marco Mozzo, direttore del museo
  • Ore 12.00 – a cura di Giulia Valcamonica, curatrice delle collezioni d'arte Polo museale della Toscana
Visite guidate con prenotazione obbligatoria (fino a un massimo di 30 persone)
pm-tos.villapetraia@beniculturali.it  (nella mail precisare il nominativo e l'orario della visita)
Ore 17.00  Concerto Monteverdi - L'Homme Armé
Elena Cecchi Fedi (soprano), Alberto Allegrezza (tenore), Paolo Fanciullacci (tenore), Andrea Perugi (cembalo), Gian Luca Lastraioli (tiorba e chitarra), Fabio Lombardo, direzione
Per il concerto prenotazione obbligatoria fino a un massimo di 150 spettatori
email: informazioni@hommearme.it 

Giardino mediceo di Pratolino
Via Fiorentina 276, Località Pratolino, Vaglia (Firenze)
Apertura straordinaria al pubblico del Parco
dalle ore 10.00 alle ore 17.00
Visite guidate naturalistiche dal cuore del Giardino mediceo fino a Montili
Ore 10.30 e ore 14.30
Itinerario è adatto a tutti, necessario abbigliamento escursionistico, lunghezza 3 km
Prenotazione obbligatoria
Giardino di Pratolino, tel. 0554080721, email: parcomediceodipratolino@cittametropolitana.fi.it
Pro Loco Vaglia Mugello, cell. 393.8685826, email: proloco.vaglia.mugello@gmail.com
Biblioteca di Pratolino
Ore 17.00 - Il paesaggio rurale, a cura del Comune di Vaglia, Direzione Cultura Ufficio biblioteca, turismo e cultura
Info:  tel. 055409537, email: c.giusti@comune.vaglia.firenze.it

Giardino di Boboli
Piazza Pitti 1, Firenze
Visite guidate
Ore 10.30  e ore 12.00
Visite (a cura del Dipartimento Giardino di Boboli) ai Frutti antichi e alle Vigne del Giardino di Boboli, con il biglietto di ingresso al Giardino di Boboli.
Punto di ritrovo presso il corpo di guardia dell'Anfiteatro
Prenotazione obbligatoria fino a un massimo di 30 persone
Tel. 0552388717 (dalle 8.30 alle 13.00) 

Villa medicea del Poggio Imperiale
Piazzale del Poggio Imperiale, Firenze
Visita dell'area museale
Ore 15.30 e ore 17.00
La visita è condotta dagli studenti dell'Educandato Statale SS. Annunziata.
Prenotazione obbligatoria:
areamuseale@poggio-imperiale.gov.it 

Villa medicea di Artimino
Viale Papa Giovanni XXIII, 1 Artimino (Carmignano)
Visita della Villa
ore 17.00 e  ore 18.00
Prenotazione obbligatoria
tel 0558751426, email: info@artimino.com 

Palazzo mediceo di Seravezza
Viale Leonetto Amedei, 230, Seravezza (Lucca)
Apertura del Palazzo
dalle ore 15.00 alle 19.00
Laboratorio didattico per bambini
Ore 15.00, Palazzo Mediceo Leonardo e il paesaggio toscano
Leonardo da Vinci è stato uno dei primi pittori a realizzare paesaggi dal vero, osserviamo i suoi quadri e ci soffermiamo sulle vedute che fanno da sfondo ai suoi personaggi.
Età 5-9 anni, durata 60 minuti.
Prenotazione obbligatoria (entro le ore 18 del giorno prima):
cell. 339-8806229 | 349-1803349
Attività in programma
  • Ore 16.00, Street Band Fantomatik Orchestra, attività svolta in collaborazione con la Biblioteca Comunale Sirio Giannini (partendo da Palazzo Mediceo, si attraverserà il giardino mediceo per poi raggiungere il  centro storico)
  • Ore 16.30, Visita guidata del centro storico
  • Ore 17.30, Ritorno a Palazzo Mediceo sulle note della Fantomatik Orchestra
  • Ore. 18.30, Visita guidata teatralizzata di Palazzo Mediceo. La Granduchessa Maria Cristina di Lorena e la sua dama di compagnia vi aspettano per mostrarvi il Palazzo e intrattenervi con le storie e i segreti della famiglia Medici.
Prenotazione obbligatoria (entro le ore 18 del giorno prima):
cell.339-8806229 | 349-1803349
Per informazioni: tel. 0584756046, email: museo@terremedicee.it
 

Villa medicea di Poggio a Caiano
Piazza de' Medici 14, Poggio a Caiano (Prato)
Apertura della Villa
dalle ore 8.15 alle ore 18.30 (ultimo ingresso 17.30)
Appartamenti monumentali
Ingresso ogni ora, a partire dalle 8.30
Museo della natura morta
Ingresso ogni ora, a partire dalle 9.00 (non si effettua il giro delle 13.00)
Visita storico-naturalistica condotta da una Guida Ambientale
Ore 17.00 - La camminata, volta a scoprire le bellezze naturali del parco, è adatta a tutti
Visita guidata della Villa e del Museo della Natura Morta
Ore 20.15 - La visita è  a cura di Lorenzo Sbaraglio, direttore del Museo
Prenotazione obbligatoria fino a un massimo di 45 persone
email: enrica.buccioni@regione.toscana.it
Concerto Jazz
Ore 21.00 – The Edward Project | The Unknown Duke
Angelo Lazzeri (chitarra), Guido Zorn (contrabasso), Alessandro Fabbri (batteria)
Prenotazione obbligatoria fino ad un massimo di 60 spettatori
email: enrica.buccioni@regione.toscana.it


Villa medicea di Cerreto Guidi
Via dei ponti Medicei 7, Cerreto Guidi (Firenze)
Apertura della Villa
dalle ore 10.00 alle 19.00
Visite guidate
Ore 11.00, ore 12.00 e ore 15.00
Visite accompagnate da momenti musicali sullo strumento a tastiera originale (virginale ottavino) del XVIII secolo presente nella Villa – M° Rossella Giannetti – Musiche di Sweelinck, Dalza, Bendusi, Diruta, Banchieri, Purcell
Laboratori didattici
Ore 15.30 e ore 16.30
"GiocArte" alla scoperta della Villa. Visite guidate e giochi per famiglie e bambini tra i 5 e i 10 anni a cura del personale del museo e dell'Associazione Amici della Villa di Cerreto Guidi
Prenotazione obbligatoria fino a un massimo di 10 bambini:
email: amicivillamediceacerretoguidi@gmail.com


Villa Medicea la Magia
Via Vecchia Fiorentina Primo Tronco n. 63 Quarrata (Pistoia)
Apertura del giardino
dalle ore 15.00 alle ore 19.00
Visita guidata alla Villa e al giardino
Ore 15.00
Prenotazione obbligatoria:
tel. 0573 774500
Concerto
Ore 17.00
di Daniele Di Bonaventura & Alessandro D'Alessandro "HERMANOS"
Daniele Di Bonaventura bandoneon, Alessandro D'Alessandro organetto
Prenotazione obbligatoria:
email: villalamagia@comune.quarrata.pt.it